Guerra al peccato

San Crispino si era proposto di far guerra al peccato e perciò dovunque vedeva in pericolo l’onore di Dio, egli non si dava riposo; andava, ammoniva, pregava, ne lasciava mezzo intentato per salvarlo. E veramente con le sue sollecitudini, orazioni e consigli, ritrasse molto spesso dal peccato i più ostinati e malvagi. Siccome poi amava teneramente il suo prossimo, così che nessuna cosa aborriva egli più della mormorazione. Se si trovava per caso presente a qualche maldicenza, egli riprendeva il calunniatore o prendeva le parti dell’infamato, altre volte invece frastornava il discorso in maniera, che il detrattore conoscesse il proprio fallo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...