Può una vita essere considerata di serie B?

A Michael Hickson, un uomo afroamericano di quarantasei anni con quadriplegia e una grave lesione cerebrale, è stata rifiutata la cura all’ospedale di St. David, nel sud di Austin, mentre era malato di COVID-19. L’ospedale ha trattenuto il cibo e l’acqua forniti dalla provetta nonostante le obiezioni di sua moglie, Melissa, anche se Michael sarebbe potuto sopravvivere alla malattia con le cure mediche generalmente fornite ai pazienti COVID. Michael è morto l’11 giugno perché i suoi medici non credevano che avesse una “qualità della vita” sufficiente a giustificare il trattamento curativo e che, a causa delle sue disabilità, salvargli la vita fosse “inutile”.

Da lifesitenew

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...