Quando il silenzio non è quello di Dio

UnknownEsprimiamo il nostro rammarico per il silenzio delle autorità religiose rispetto alle accuse deplorevoli verso le nostre figlie, suore Francescane dell’Immacolata, ad opera del Signor Mario Castellano e pubblichiamo il testo della doverosa petizione, indirizzata a sua Eccellenza Reverendissima Mons J. R. Carballo, Segretario della Congregazione dei Religiosi e a Madre Noris Adriana Calzavara, Commissaria Apostolica del predetto Istituto religioso.

Non resteremo ad assistere passivamente a tutte quelle azioni che ormai, sempre più, sotto gli occhi di tutti, si configurano come una manifesta persecuzione.

Eccellenza Reverendissima,

siamo genitori delle Suore Francescane dell’Immacolata che, con profondo dolore, si accingono a redigere questa lettera.

Già da tempo assistiamo al linciaggio mediatico avverso alla buona reputazione delle nostre figlie, con lo scopo di oscurare primariamente la bontà dell’Istituto religioso cui fanno parte e delle numerose opere di evangelizzazione compiute da quando è sorto. L’opera di denigrazione in corso, tocca l’apice della scelleratezza quando verte sulla presunta corruzione morale delle suore.

In passato era già stata lanciata un’accusa di questo stampo, poi attenuata da più e doverose denunce contro l’autrice che la formulò.

Ora si ritorna sull’argomento e siamo stupiti che a farlo sia il signor Mario Castellano, consulente giuridico del defunto commissario Fidenzio Volpi, con un articolo del 7 aprile u.s. il cui contenuto espone a vituperio le nostre figlie. Per fornire un esempio della gravità di quanto in esso riportato, citiamo alcune parti tratte dal suo scritto diffamatorio: «La corruzione sessuale delle religiose … era finalizzata … a fare delle monache altrettante prostitute, da offrire ai cosiddetti “benefattori” in cambio di dazioni di denaro o di altri beni, oppure di loro autorevoli “protezioni”». Tutto ciò avverrebbe «… in modo sistematico e pianificato» per cui non sarebbe «possibile invocare la debolezza umana come giustificazione, o quanto meno come attenuante per un simile comportamento, che – soprattutto in quanto presentato alle monache come un supposto loro “dovere” – può soltanto appoggiarsi sul principio machiavellico del fine che giustifica i mezzi.»

Secondo Castellano i genitori delle suore, sarebbero padri e madri di ragazze entrate in un Istituto religioso dove si pratica la prostituzione, come dovere ed espressione di sottomissione alla volontà dei superiori. Tali affermazioni ledono prima di tutto l’onore delle nostre figlie e secondariamente soprattutto quello dei genitori e poi di tutti coloro che hanno conosciuto e affiancato le suore nel loro apostolato, a maggior ragione, lo ribadiamo, perché provengono da uno dei collaboratori del commissario Volpi.

Restiamo, altresì, basiti per il silenzio delle commissarie che, avendo conosciuto il tenore di vita praticato dalle Suore Francescane dell’Immacolata, avrebbero il dovere di ammonire pubblicamente l’autore di tali nefandezze, tanto più che sono state divulgate a mezzo stampa e riportate su vari siti internet.

Sembra strano che la stessa Congregazione, garante della verità, non agisca per arginare questa infamia che sta causando notevole imbarazzo tra le nostre figlie suore che, quando escono dai conventi per svolgere ordinarie commissioni, sono additate per strada e talvolta oggetto di volgari apprezzamenti.

Non di rado, anche noi genitori siamo guardati con commiserazione e diffidenza da chi apprende che le nostre figlie sono Suore Francescane dell’Immacolata.

Confidiamo, pertanto, in nome del rispetto della dignità umana, che si ponga un termine a queste turpi insinuazioni che sconvolgono la vita delle nostre figlie e che tanto amareggiano genitori, parenti e amici. Chiediamo un pubblico atto di giustizia delle Autorità ecclesiastiche volto a stroncare questa volgare opera calunniosa.

Genitori delle Suore Francescane dell’Immacolata

4 thoughts

  1. Quello che è stato fatto a quest’ ordine da Bergoglio e i suoi commissari nominati è semplicemente vomitevole. Ognuno di queste giovani ha donato la sua vita a Dio lasciando per questo atto di amore la famiglia che gli voleva veramente bene. Ora non si potranno rivolgere alla gerarchia ecclesiastica perchè è venduta al male, non possono essere difese dalle famiglie perchè appartengono ad un ordine religioso. La sola cosa che possono fare è denunciare questi vergognosi calunniatori all’ autorità ma anche dentro di essa è presente un grande numero di avversi a Dio. Quello che nessuno potrà togliere a queste figliole rette e vicine a Dio è pregare molto il Santo Padre Pio che suggerì a Padre Manelli di creare questo ordine al servizio dell’ Immacolata. Il Santo Padre Pio è in grado da solo di vincere tutti i nemici dentro e fuori della Chiesa.

    Liked by 1 persona

  2. Ave Maria! Io non sono un genitore di una Suora, ma le conosco ormai da tanti anni e sono molto, molto addolorata per queste calunnie e per la situazione tremenda che è sorta ormai da circa quattro anni. Vi sono vicina con l’affetto e con il sostegno della preghiera. O Immacolata, Regina delle Vittorie, fai presto!
    Ave Maria!
    Patrizia

    Liked by 1 persona

  3. Ave Maria,conosco le suore e i frati da circa 30 anni e potrei sembrare di parte ma non lo sono,però mi sento di difendere le suore dalle accuse infami del signor Castellano Mario che pubblicamente si permette di esprimere giudizi degni della sua prostituzione mentale dovuta alla corruzione del suo cuore.Carissimo Castellano Mario io è non mi nascondo ti dico che sei un vigliacco è cornuto ,non meravigliarti quando leggerai questo anzi ti confermo che hai letto bene e cortesemente sciacquati la bocca quando ti permetti di parlare delle suore e dei frati che io personalmente conosco ,non come te che li conosci solo per “sentito dire” . È ricorda che verrà usato lo stesso metro di giudizio nei tuoi confronti….L’IMMACOLATA ti illumini.

    Liked by 1 persona

  4. Altro che lettera, qui ci sarebbero gli estremi di una denuncia penale di diffamazione. Anche le religiose hanno diritto a difendere la loro reputazione in tribunale contro chi le diffama.
    Quanto al silenzio delle commissarie, si suol dire che chi tace acconsente.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...