La drammatica realtà del purgatorio

purgatorio-leeme1Forse non siamo abituati troppo a pensare al purgatorio. Forse per alcuni cristiani è sottovalutato. Si potrebbe pensare che, tutto sommato, si sia guadagnata la salvezza e che il tempo per l’espiazione prima o poi passerà. Se così, facciamo un errore di valutazione. Sbagliamo a conteggiare il tempo secondo i nostri parametri. Il purgatorio è una realtà di atroci sofferenze. Vale la pena riflettere su questo aspetto ed impegnarsi al massimo per evitare ogni più piccolo peccato veniale, finché il Signore nella sua misericordia ci concede tempo in questa vita. Ecco cosa leggiamo dai fioretti di Madre Speranza che era solita dialogare con le anime del purgatorio:

« Le apparve prima il Signore che le disse: “Ti faccio vedere con quanta gloria il Vescovo entra in paradiso perché ha dato l’approvazione al primo Santuario del mondo dell’Amore Miserciordioso”. Poi, il Signore scomparve ed arrivò il Vescovo con il suo corpo glorioso. Il Vescovo gli disse: “Madre Speranza il Signore mi ha mandato a te per ringraziarti perché tu mi hai chiamato a dare l’approvazione al Santuario e il Signore è stato molto contento. Adesso avrò per tutta l’eternità la gloria del Paradiso. Però devo dirti che io, prima di andare in Paradiso, ho sofferto tanto in Purgatorio.” Al che la Madre replicò: “Eccellenza, lei è morto ieri a Roma, perché mi dice che ha sofferto per tanto tempo se sono passati solo due giorni?” Il Vescovo le rispose: “Madre Speranza il tempo dell’aldilà non è uguale a quello che si vive sulla Terra. Ho sofferto molto, molto di più in questi due giorni di purgatorio che non in 80 anni della mia vita sulla Terra perché quando si muore l’anima si presenta davanti a Dio e in presenza di Dio l’anima si vergogna. Si vergogna del comportamento che ha avuto in vita trascurando il Signore. Deve dire a tutti che l’aldilà esiste e che sulla Terra la cosa più importante è amare il Signore, tutto il resto non serve a niente”».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...